Le celebrazioni della settimana Santa

Da domenica 5 aprile (Domenica delle Palme), sarà possibile seguire attraverso la radio parrocchiale o tramite ZOOM i momenti di preghiera , le S. Messe e le celebrazioni proprie della Settimana Santa.

Zoom Cloud Meetings è una piattaforma web per meeting, webinar e collaborazione da remoto. E’ possibile seguire tramite cellulare, tablet o computer, cliccando sul link che risulterà attivo un quarto d’ora prima di ogni celebrazione e seguire le istruzioni indicate.

LUNEDI’ DELL’ANGELO 13 APRILE ORE 9.00 LODI & ORE 10.00 SANTA MESSA

DOMENICA DI PASQUA 12 APRILE ORE 18.00 VESPRI

DOMENICA DI PASQUA 12 APRILE ORE 9.00 LODI & ORE 10.00 SANTA MESSA

SABATO 11 APRILE ORE 22.30 VEGLIA PASQUALE

SABATO 11 APRILE ORE 8.00 LODI

VENERDì 10 APRILE ORE 15.00 CELEBRAZIONE DELLA PASSIONE DEL SIGNORE & VIA CRUCIS ORE 17.00

VENERDì 10 APRILE LODI ORE 8.00

GIOVEDì 9 APRILE MESSA IN COENA DOMINI ORE 20.30

GIOVEDì 9 APRILE VESPRI ORE 18.30

GIOVEDì 9 APRILE LODI ORE 8.00

MERCOLEDì 8 APRILE VESPRI ore 18.30

MERCOLEDì 8 APRILE LODI ore 8.00; ORE 8.30 S.MESSA

MARTEDì 7 APRILE VESPRI ORE 18.30

MARTEDì 7 APRILE ORE 8.00 LODI; ORE 8.30 S.MESSA

LUNEDì 6 APRILE VESPRI ORE 18.30

LUNEDì 6 APRILE LODI ORE 8.00 e S MESSA ORE 8.30

DOMENICA DELLE PALME ORE 10.00

DOMENICA 5 APRILE VESPRI ORE 18.30

Raccomandiamo di tener spento il microfono. Sul volantino allegato trovate gli orari: in nero le funzioni celebrate dal Santo Padre, in bianco quelle celebrate dai nostri sacerdoti.

Preghiera di Papa Francesco e Benedizione urbi et orbi

“Da settimane sembra che sia scesa la sera… presi alla sprovvista da una tempesta inaspettata e furiosa. Ci siamo resi conto di trovarci sulla stessa barca, tutti fragili e disorientati… ma tutti chiamati a remare insieme, tutti bisognosi di confortarci a vicenda. Su questa barca… ci siamo tutti.

Come quei discepoli, che parlano a una sola voce e nell’angoscia dicono: ‘Siamo perduti’, così anche noi ci siamo accorti che non possiamo andare avanti ciascuno per conto suo, ma solo insieme.

La tempesta smaschera la nostra vulnerabilità e lascia scoperte quelle false e superflue sicurezze con cui abbiamo costruito le nostre agende, i nostri progetti, le nostre abitudini e priorità. Ci dimostra come abbiamo lasciato addormentato e abbandonato ciò che alimenta, sostiene e dà forza alla nostra vita e alla nostra comunità.

a questo colonnato che abbraccia Roma e il mondo scenda su di voi, come un abbraccio consolante, la benedizione di Dio. Signore, benedici il mondo, dona salute ai corpi e conforto ai cuori. Ci chiedi di non avere paura. Ma la nostra fede è debole e siamo timorosi. Però Tu, Signore, non lasciarci in balia della tempesta”. #papafrancesco #benedizioneurbietorbi